triomorgen triomorgen1 italy uk germany russian triomorgen2 triomorgen
Triomorgen Triomorgen Contatti Audio Foto Triomorgen
AUDIO

Il TRIO MORGEN
è una formazione cameristica che nasce nel 2013 per volere dei suoi componenti:
Barbara Costa, soprano
Roberto Miele, corno
Emanuele Delucchi, pianoforte
ognuno dei quali solista in carriera da 15 anni.

trio morgen

Nato come trio Liederistico - molto particolare nel suo genere data la presenza del corno - si avvale di trascrizioni originali appositamente elaborate per questa formazione, effettuate dagli stessi componenti del gruppo e/o da musicisti esterni.
Ciò che maggiormente caratterizza il trio, è l'attenzione al repertorio e le sue particolari idee nell'elaborazione dei vari brani tramite, per esempio, l'attibuzione e distribuzione delle tre parti che vengono sapientemente miscelate e scambiate a seconda delle esigenze strutturali di ogni singolo brano.
Si può quindi ascoltare un assolo di violino eseguito dal corno (vedi "Morgen", R. Strauss), un controcanto del soprano in antitesi al corno (vedi Bachianas Brasileiras n.5, H. Villa-Lobos) o ancora, laddove possibile, brani sacri eseguiti con organo - pianoforte e soprano, nonchè le esibizioni di ognuno dei componenti che si esibiscono con brani in totale assolo.

È quindi facilmente comprensibile il motivo per cui il repertorio, grazie a queste particolarissime trascrizioni, risulti molto eterogeneo: il Trio infatti spazia dalla liederistica alla musica da film, passando per la musica sacra, barocca, operistica, eccetera... il suo repertorio comprende un arco temporale che va dal '700 al '900 grazie anche alla presenza di brani di autori contemporanei.
Un concerto del Trio Morgen regala un viaggio in tutta Europa: i brani eseguiti vengono cantanti in spagnolo, tedesco, francese, cecoslovacco e russo con particolare attenzione alla presentazione dei brani, a cura degli stessi componenti, che di volta in volta ne recitano i versi principali o raccontano aneddoti e situazioni legate ai vari compositori. 
Per questo motivo i concerti del Trio Morgen sono adatti ad ogni tipo di pubblico, non solo per la varietà dei brani proposti e la possibilità di esaudire i desideri del pubblico grazie al vastissimo repertorio, ma anche per la facilità di fruizione del concerto che ne permette la totale comprensione.

Un concerto insomma da assaporare fino alla fine e che prevede sempre sorprese, compresi i bis!

Roberto Miele Barbara Costa Emanuele Delucchi
Roberto Miele Barbara Costa Emanuele Delucchi

Roberto Miele, nato nel 1978, si diploma presso il Conservatoreio"L. REFICE" di Frosinone sotto la guida del M° Domenico Sebastiano.
Dopo il diploma si perfeziona con il M° Luciano Giuliani.
Inizia l'attività professionale nel 1996 presso il Teatro Lirico di Spoleto, proseguendo con l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia e omonima Orchestra Giovanile (1997/2000);
Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino (1997);
Teatro Lirico di Cagliari (2001).
Nel Maggio 2001 vince il concorso presso il Teatro alla Scala e dal successivo mese di Settembre, sotto la direzione del Maestro Riccardo Muti, è componente effettivo dell'Orchestra del Teatro alla Scala nonché dell'Orchestra Filarmonica della Scala.

Oltre all'attività di direttore d'orchestra e quella di professore d'orchestra del Teatro alla Scala e della Filarmonica della Scala, di componente del gruppo "I Corni della Scala" e dell'"Ensemble Strumentale Scaligero del Teatro alla Scala", unisce anche l'attività di solista internazionale e di insegnante per cui viene richiesto in numerose masterclass.

corni della scala

Horn Concerto n2

  

Nasce a Milano nel 1976.
• Inizia gli studi di canto a seguito di vincita di Borsa di Studio del Teatro alla Scala di Milano (biennio 1999-2000).
• Si perfeziona successivamente con il soprano Magda Olivero vincendo la Borsa di Studio presso l'Auditorium di Milano nel 2001.
• Vince il Concorso AS.LI.CO. nel 2001 con il ruolo di Madama Butterfly, che debutta nei teatri del Circuito Lirico Lombardo con i Pomeriggi Musicali.

Negli anni seguenti ricopre i ruoli di:
• TOSCA
• AIDA
• NORMA
• MANON LESCAUT
• SUOR ANGELICA
• MADAMA BUTTERFLY
• TURANDOT
• ABIGAILLE Nabucco
• LEONORA Trovatore
• AMELIA Un ballo in maschera
• DESDEMONA Otello
• NEDDA Pagliacci
• MADDALENA Andrea Chenier
• ELISABETH Tannhauser
• ELSA Lohengrin
• STABAT MATER Rossini

nei seguenti teatri:
• Auditorium di Milano,
• Royal Opera House di TORONTO,
• Teatro dell'Opera del CAIRO,
• Teatro dell'Opera di BELGRADO,
• Teatro dell'Opera di SEOUL,
• Festival di INCHEON,
• Corea del Sud tournèe nei teatri della CATALUNYA,
• Teatro dell'Opera di SKOPJE,
• LIPSIA, BERLINO, RODSTOCK, ERLFUHRT, ecc...

e in prestigiose Sale quali:
• Sala Busoni, Bolzano,
• Teatro Litta, Milano,
• Palazzina di Stupinigi, Torino
• Sala dei Papi, Superga,
• Torino Palazzo Barolo, Torino
• Circolo della Stampa, Torino
• Circolo della Stampa, Milano
• Villa Vigoni, Loveno di Menaggio
• Columbus Center, Toronto

Collabora con l'Ensemble “Strumentisti del Teatro alla Scala di Milano”.

Insegna privatamente tecnica e impostazione vocale a Milano e in diverse Master Class.

Diplomata in lingue straniere, la sua padronanza e pronuncia della lingua tedesca, francese e russa le permette di esibirsi anche in raffinate Liederabend con programmi comprendenti diversi compositori.

Da alcune recensioni:

“L'OPERA”
M. Cervello-Eroles
(Norma, Spagna)
"Grande protagonista il soprano milanese Barbara Costa ha fatto sfoggio di una voce luminosa e possente con un fraseggio sempre acceso e vibrante grazie all'emissione saldamente controllata. Pubblico scatenato alla ribalta"
>Leggi l'articolo

“L'ECO DI BERGAMO”
B. Zappa
(Aida, Bergamo)
"Ottima prova del soprano Barbara Costa che ha disegnato una Aida convincente e viva tra intimità e slanci di notevole intensità grazie al bellissimo colore vocale deciso e tondo"
>Leggi l'articolo

“LA LIBERTA'”
M. Bardelli
"Indimenticabile recital del soprano Barbara Costa. La sua voce ha espresso vigore, brillantezza drammaticità. Ma anche perfezione di stile, straordinaria capacità espressiva e modulazione unita ad una presenza scenica degna di una grandissima interprete. La Costa ha realizzato un capolavoro nel capolavoro, riuscendo nello spazio di una sola romanza e rendere appieno lo spessore psicologico di ogni singolo personaggio"
>Leggi l'articolo

“LA PREALPINA”
B. Belli
"Barbara Costa ha esaltato e sfoggiato timbro angelico, legato eccezionale e filati bellissimi e cristallini. Interpretazione e drammaticità fanno della Costa un'artista completa, curiosamente dimenticata dai maggiori teatri italiani"
>Leggi l'articolo

“VIVIBOLZANO”
A. Barbace
"Barbara Costa affrontava con ampia disponibilità vocale brani di intenso spessore drammatico. La sua è un'interpretazione sempre matura ed energica in grado di misurarsi coi più temibili ruoli del melodramma e, volendo, anche con le pagine più importanti della grande liederistica"
>Leggi l'articolo

“CORRIERE CANADESE”
(Toronto, Canada)
"Il giovane ma valente soprano Barbara Costa ha dato piena prova delle sue doti canore. Il pubblico ha potuto apprezzare la sua straordinaria abilità interpretativa e la sua maturità vocale, rendendo appieno tutte le sfaccettature di personaggi vocalmente e drammaticamente complessi come Tosca e Violetta"

Casta Diva

Il cursus studiorum del pianista e compositore Emanuele Delucchi (n. 1987) si completa nel 2009 con il Diploma Accademico di II Livello conseguito presso il Conservatorio N. Paganini con 110 lode e menzione,
nel 2011 con il Diploma triennale presso l'Accademia “Incontri col Maestro” di Imola (che gli ha dato modo di seguire le masterclass dei Maestri Zoltan Kocsis, Cedric Pescia, Robert Levin, Vovka Ashkenazy).
Ha studiato con i Maestri Canzio Bucciarelli, Riccardo Risaliti e attualmente si sta perfezionando con il Maestro Davide Cabassi presso il Conservatorio “C. Monteverdi” di Bolzano.

Primo premio in vari concorsi nazionali e internazionali, nel 2008 vince il “Premio Marizza” di Trieste, “per l’intelligenza e l’equilibrio dimostrati nell’ambito della lettura e della realizzazione delle opere presentate” e nell'aprile 2012 conquista la medaglia d'oro al primo “Alkan-Zimmerman International Piano Competition” di Atene.

Nel 2014 è stato selezionato, con altri 26 pianisti, per partecipare alle fasi finali del 60° Concorso “Busoni” di Bolzano.
Definito da alcuni critici “impavido virtuoso” (Klaus Ross), “pianista dalla notevole capacità interpretativa ed eccellente tecnica” (Eleonora Brezovečki), “uno dei più versatili ed eclettici virtuosi che Genova abbia coltivato negli ultimi anni” (Giorgio De Martino), “un vero leone della tastiera, una scoperta” (Matthias Ross), si è esibito in veste di solista in Italia, Germania, Francia, Inghilterra, Grecia, Slovenia e Croazia; in veste di camerista si è esibito in collaborazione con i compositori Sylvano Bussotti (Lecce 2007), Carlo Boccadoro e Fabio Vacchi (Genova 2013), con il violinista Giulio Plotino, con il violoncellista Nicola Paoli, i pianisti Francesco Libetta e Vincenzo Maltempo, in trio con Eva Zahn e Antonio Plotino (trio “Weber”), con i flautisti Stefania Carrara e Fabio De Rosa e con il soprano Barbara Costa.
Ha collaborato con l'orchestra “J. Sibelius” (direttore Filippo Torre), l'“Orchestra Sinfonia di Chiavari” (direttore Paolo Ferrara) e l'orchestra del “Tiroler Festspiele Erl” (direttore Gustav Kuhn).
È il primo Italiano ad aver eseguito integralmente in pubblico (al teatro Paisiello di Lecce, invitato dal Maestro Francesco Libetta per la 4° edizione del “Miami Piano Festival in Lecce”) e inciso in CD (live, prodotto dal Conservatorio “N. Paganini”) il monumentale “Concerto per pianoforte solo” di Ch. Valentin Alkan.
Nel maggio 2011 ha inciso in studio il CD “Suite Antique” per l'etichetta “Prometheus” comprendente lavori recenti di Martin Münch, di cui è apprezzato interprete; nel dicembre 2013 un CD per l'etichetta “Toccata Classics” in duo con Vincenzo Maltempo, con musiche di Alkan/Da Motta (in 1° registrazione assoluta).
E' in preparazione un CD con Fabio De Rosa con le sonate op. 30 di Beethoven trascritte per flauto e piano da P. Drouet. Alcuni sue composizioni più recenti sono pubblicate dalla “Musicisti Associati Produzioni ¬M.A.P.” di Milano.
E' apprezzato maestro collaboratore fin dal 2003; per il Festival Lirico di Varese Ligure ha accompagnato al pianoforte integralmente le opere “Don Giovanni” (2003), “Norma” (2004), “Cavalleria Rusticana” e “Pagliacci” (2005), “L'Elisir d'Amore” (2006), “Il Barbiere di Siviglia” (2007), “La Traviata” (2008 e 2013), “Don Pasquale” (2009), “Rigoletto” (2010), “Nabucco” (2011), “Tosca” (2012), e collaborato fin dalla fondazione (2010) con il Concorso Lirico Internazionale “Città di Deiva Marina”. È lettore vorace e amante della cultura classica.

Delucchi

 

info@triomorgen.eu

 

 

TRIOMORGEN - ROBERTO MIELE - CF: MLIRRT78L04C034P